Come costruire un espositore girevole - immagine in evidenza

Come costruire un espositore girevole

Pubblicato il 15 luglio 2023 – Tempo di lettura: 7 minuti

Ciao a tutti! Avete mai pensato che vi servirebbe un “coso” che gira, per poter fare video più accattivanti con i vostri soggetti, da mostrare a tutti i vostri amici sui social? Bene! Oggi in questo nuovo tutorial vi spiego come costruire un espositore girevole in maniera semplicissima e con solo legno di scarto!

Dopo il mio primo tutorial FAI DA TE, come realizzare un orologio in legno, provo oggi a fare con voi questo progetto di grande impatto, nonché di una certa utilità e vi stupirete come sia facile costruirlo in 6 steps, con pochissimi attrezzi e con un po’ di sano riciclo.

Come nasce l’idea di un espositore girevole

La leggenda vuole che questo oggetto abbia una storia piuttosto travagliata. Chi lo abbia effettivamente inventato rimane un mistero, ci sono forti dubbi perfino sulla sua provenienza.

Pare che ci siano testimonianze che l’espositore girevole era già presente sulle tavole nobili nel 1700, in Francia, in Inghilterra, per rimpiazzare alcuni camerieri.

In tempi più moderni, sempre la leggenda, vuole che sia un invenzione di Thomas Jefferson, il terzo presidente degli Stati Uniti d’America nei primi del 1800.

In America questo espositore è conosciuto sotto il curioso nome di “Lazy Susan” (la Susan pigra) e pare proprio che Jefferson avesse una figlia dal nome Susan e lo avesse concepito come un gira salse da tavola proprio per lei.

Nel 1917, per la prima volta, viene reclamizzato come prodotto sotto il nome di Lazy Susan dalla rivista Vanity Fair e questa è almeno una certezza! Da quel momento l’espositore girevole ha per l’appunto, girato, le tavole di tutto il mondo.

A volte con fascino vintage, a volte come prodotto boom ha passato con agilità tutti questi anni per arrivare sino a noi. Io ho presentato l’espositore girevole come un oggetto per mostrare, per esporre. Ma in realtà il suo uso più comune è sulla tavola per facilitare la distribuzione del cibo, in uso in gran parte dei ristoranti cinesi di tutto il mondo.

Forme e dimensioni

Normalmente viene proposto in vari materiali: metallo, vetro, plastica, legno più o meno pregiato. Se usato come espositore non è strano trovarlo anche in una versione non da tavolo, ma appoggiato a terra tramite un treppiedi.

Le dimensioni poi, sono le più svariate, proprio per la varietà di usi che se ne possono fare. Quello che vi propongo qui oggi è piccolino, il piatto è di soli 27cm.

Potete costruirlo totalmente con misure a vostro piacimento, considerate solo il peso del vostro piatto (e quindi anche la dimensione) e calcolate che abbia un piedistallo da garantire sufficiente stabilità anche quando vengono inseriti dei pesi sul piatto.

Vediamo subito cosa ci serve per questo progetto!

Aprite con il + gli argomenti che vi interessano

  • 2 ore circa da assoluti beginner come me!

da 0 euro optando per il riciclo di materiali di scarto a meno di 20 euro acquistando i materiali

Vi ricordo che sono super indicative sopratutto se vogliamo usare pezzi di recupero! 😉

  • una tavoletta 15×15 cm, alta 2cm
  • una tavoletta da cui ricavare un cerchio di 12cm di diametro, alta 1,5 cm
  • palline diametro 2,6 cm, diametro buco 0,7 cm
  • bastoncini diametro 0,5 cm, lunghi 10 cm
  • perno diametro 1 cm, lungo 4 cm
  • piatto diametro 27 cm, alto 1,8 cm
Come costruire un espositore girevole - generic photo wooden boards
Tavolette di abete

(o similiare)
di varie dimensioni

Come costruire un espositore girevole - how to make a lazy susan wooden stick
Bastoncino dritto
Come costruire un espositore girevole - how to make a lazy susan little wooden sticks
Bastoncini di legno

della dimensione del foro delle palline

Come costruire un espositore girevole - generic photo linseed oil
Olio di lino

(opzionale)

per la pasta di porcellana fredda (opzionale)

Come costruire un espositore girevole - generic photo cornstarch
Maizena

(amido di mais)

Come costruire un espositore girevole - generic photo oil
Olio

Avete trovato tutto? Iniziamo!

Io ho trovato solo pezzi di legno davvero mal conservati. Ho voluto tentare lo stesso per dimostrarvi che in questo progetto non avete nessun bisogno di essere precisi o di pezzi pregiati, il risultato viene benissimo anche senza chissà che accortezze!

Step 1

Su una tavoletta, per me quella alta 1,5 cm, disegnate un cerchio. I metodi sono svariati, un barattolo di simili dimensioni oppure, un’altro metodo rapido è appoggiare il polso che tiene la matita, fermamente sul legno e con l’altra mano muovere il legno.

Visto che ci servirà il centro bucato potete anche praticare un foro in centro e mettete una vite a metà. Avvolgete intorno un cordino delle dimensioni del raggio che vi serve e legate una matita. A cordino teso ecco disegnato il nostro cerchio.

Se volete farla ancora più semplice, visto che poi segare un cerchio non è una cosa semplicissima, potete anche lasciarlo quadrato, tanto tutto quello che è sotto il piatto non rimane visibile. 😉

Consiglio

Inizialmente ho fatto un errore su questo pezzo, ho lasciato lo spessore della tavoletta a 2cm. Le palline affioravano dal pezzo e quindi pensavo andasse bene.

Invece avevo un incavo nel piatto e le palline dovevano scorrere all’interno. Questo buco mi questo mangiava 0,5 cm.

Quindi, lo spessore di questa tavoletta va considerato in virtù della misura delle palline, facendo in modo che affiorino in maniera evidente.

Senza dimenticare che sia comunque spesso abbastanza da permettervi di bucare agevolmente per inserire il bastoncino che passa per le palline.

Step 2

Ritagliare una tavoletta per la base, la mia 15×15. E visto che stiamo usando la sega, procedete a ritagliare il cerchio dello step 1. Io ho usato una sega a nastro, ma se avete una sega da traforo è più semplice.

Step 3

Disegnate una croce nel cerchio e alla distanza, per me, di 1 cm dal bordo, fate un segno, a 4,5 cm fate il secondo segno. (Sempre riferendomi alle mie misure con cerchio di diametro 12 cm e palline diametro 2,6 cm).

Qui dovete disegnare 4 cerchi di dimensione ampia, (anche 1 cm in più se avete spazio), adeguata alla misura delle palline.

Tutorial come costruire un espositore girevole - Esempio del rapporto dimensioni pallina/buco

Passate al traforo a mano, o elettrico e ritagliate i 4 cerchi cercando di essere il più precisi possibile.

Step 4

Bucare con il trapano in direzione del centro (tenendosi almeno un centimetro al di sopra del buco del perno centrale) seguendo la croce. Ripetere per tutti e 4 i buchi.

La misura di questi buchi è data di qualche millimetro in più dalla misura del diametro del bastoncino che attraversa le palline.

Tutorial: Come costruire un espositore girevole - dettaglio della posizione dei buchi
Tutorial: Come costruire un espositore girevole - dettaglio del perno

Sempre con il trapano fare il buco nel centro del pezzo base e altrettanto nel pezzo rotondo. Queste misure sono in base al bastoncino che farà da perno.

Visto che siamo con trapano alla mano, fate anche un buco nel sotto del piatto, non troppo profondo, giusto da fare da guida al perno.

Step 5

Mettere della colla nei buchi vicino al centro e inserire bastoncino con la pallina infilata. Facendo attenzione che le palline non tocchino gli eventuali sbaffi di colla mettere la colla anche nei buchi esterni e lasciare asciugare bene.

Mettete abbondante colla e inserite a fondo il perno nella base e lasciate asciugare.

Step 6

Ora che è tutto asciutto siamo pronti ad assemblare. Se volete potete tagliare l’eccesso dei bastoncini dal cerchio. Io gli ho lasciati, possono servire per ruotare l’espositore girevole senza mettere le mani sul piano.

Se tutto ha funzionato le palline scorrono senza impedimenti. Infiliamo il pezzo rotondo con le palline sul perno, sopra alla base e controllare che abbia agio a ruotare senza aderenza. Le palline devono aderire bene alla base che le aiuterà a scorrere.

Prendiamo il piatto e inseriamolo con la feritoia sul perno. Il piatto a sua volta deve ben aderire alle palline. E… magia! 🎉 Avete appena creato il vostro primo espositore rotante!!

Risoluzione piccoli problemi

Se come me avete usato legni in brutte condizioni facilmente durante la costruzione si saranno crepati o addirittura rotti. Nessun problema, usando la colla vinilica e tenendo ben pressati i pezzi, una volta asciutti, non vi daranno problemi.

Io ho avuto la fortuna di trovare un vecchio tagliere che faceva al caso mio e ho utilizzato quello come piatto visto che era già finito arrotondato.

Il tempo, i lavaggi e la dozzinale lavorazione industriale lo hanno duramente colpito e si è ridotto in 3 pezzi, esattamente nelle giunzioni tra una tavola e l’altra. Con la colla vinilica gli ho risaldati, dopo aver pulito accuratamente della precedente incollatura.

Ma in una sezione il legno non aderiva più alla misura originale e c’era una spiacevole fessura. Antiestetica ma sopratutto possibile zona di eventuale rottura del legno in futuro. Così sono ricorsa alla mia magica mistura della porcellana a freddo.

Tutorial: Come costruire un espositore girevole - dettaglio di applicazione porcellana fredda 2/2
Tutorial: Come costruire un espositore girevole - dettaglio di applicazione porcellana fredda 1/2

Con questa semplice pasta: ho ricreato il piano, reso meno visibile il taglio e ho protetto il legno da eventuali rotture. La ricetta e la preparazione della porcellana fredda la trovate in questo articolo. Ricordate sempre di pulire bene da eventuali residui prima che diventino duri come pietre!

Step 7

Per me che ho avuto problemi di rotture con i materiali che ho utilizzato, o anche perché magari desiderate avere una finitura diversa dal legno naturale, passiamo alla parte colore!

Sopra la porcellana fredda si può colorare. Il colore rimane esattamente come sul legno, senza variazioni. Io ho usato colore acrilico puro perché avevo da coprire anche tutti i tagli profondi dal precedente uso di tagliere.

Non ho usato olio di lino visto che il tagliere era già unto, e ho optato per una finitura a cera d’api sul colore. Ho cercato di dare il colore non uniformemente per creare un effetto anticato e mascherare ulteriormente la spaccatura corretta.

Tutorial: Come costruire un espositore girevole - progetto finito

Ed ecco il risultato finale! Non vedo l’ora di usare il mio nuovo espositore girevole per fare dei bellissimi video con i miei nuovi lavori!! E voi cosa aspettate? Ah, dimenticavo! Ho creato per voi il video con tutta la preparazione eccolo:

Anche per oggi è tutto, spero vi divertirete a stupire i vostri amici con questo progetto 100% legno, 100% ecologico e 100% riciclato! Se vi piacciono i progetti FAI DA TE, leggetene altri, basta consultare la categoria FAI DA TE! Ciao! Al prossimo mese! 😘😘


Condividi!

Questo è un articolo scritto da un umano per gli umani!

Tutti gli articoli contenuti nel blog sono scritti da me. Nessun collaboratore, nessuna persona pagata per scrivere contenuti al posto mio.

I post scritti da ospiti o da amici del blog vengono segnalati sotto il titolo con la scritta “guest post“. Si tratta di collaborazioni amichevoli, contributi alla comunità degli intagliatori.

Nella stesura degli articoli del blog non viene impiegato nessun supporto AI (intelligenza artificiale) e tutti i contenuti sono fatti con l’intento di piacere agli umani, non ai motori di ricerca.

Vuoi leggere in anteprima i nuovi articoli?

Non invio spam!
Leggi la mia Informativa della privacy per avere maggiori informazioni.

Ti piacciono i miei contenuti?

Magari puoi valutare una una donazione in supporto al blog!

Coindrop.to me

Clicca sul link coindrop per accedere ad un metodo di pagamento sicuro e offrirmi in tutta tranquillità un caffè o quello che vuoi tu!

Di tanto in tanto, negli articoli, troverai parole sottolineate così, oppure pulsanti con il simbolo 🛒. Si tratta di link che aiutano l’approfondimento, o link di affiliazione.

Se ti interessa un prodotto e lo acquisti suggerito da me, sempre senza nessun costo aggiuntivo per te, puoi aiutarmi a coprire i costi del blog. Mi permetterebbe di poterti dare in futuro questo e molto di più, lasciando sempre i contenuti in maniera totalmente gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *