Tutti i tipi di tagli a coltello nel legno - foto in evidenza

Tutti i tipi di tagli a coltello nel legno

Pubblicato il 15 giugno 2023 – Tempo di lettura: 8 minuti

Buon giorno accaniti lettori!! Oggi vi ho preparato una guida definitiva per porre fine a tutti i dubbi che vi hanno sfiorato cercando di imparare ad intagliare! In questo Tutorial vi insegnerò tutti i possibili tagli a coltello dell’intaglio legno! Ma davvero tutti i tipi possibili!

Finalmente potrete dire basta alla confusione di nomi che vi circolano in testa, qui ho riunito per voi anche le varianti di esecuzione e di nome. Quando avrete finito di fare pratica con tutti questi tagli sarete pronti a diventare dei veri professionisti del Whittling!

Iniziamo ora con il chiarire un semplice concetto che magari qualcuno, sopratutto in Italia, visto che spesso utilizziamo termini in Inglese per praticità, non ha ancora afferrato bene. Ovvero:

cos’è il whittling?

Bene, il whittling non è altro che l’intaglio del legno a coltello. Cioè il lavoro di intaglio che viene effettuato solo con l’aiuto di uno o più coltelli da legno.

Spesso, sempre in Italia, siamo quasi costretti ad usare questi termini inglesi, perché il nostro equivalente di traduzione è solo intaglio. Ed è davvero misera come traduzione perché con questa parola non si esprime il concetto di solo taglio a coltello, è per noi una parola molto generale.

Spesso abbinato al whittling sentiamo parlare anche di woodcarving, ma quindi:

qual’è la differenza tra whittling e woodcarving?

Anche se spesso vengono nominati insieme o usati impropriamente come sinonimi dello stesso termine, non è affatto così. Il woodcarving è sempre una tipologia di intaglio, ma prevede l’uso di strumenti che sono sgorbie, mazzuoli o altre attrezzature di supporto.

Vero è che, molte volte, anche se compiamo progetti di whittling, lo facciamo non completamente. Infatti usiamo per praticità delle seghe elettriche o delle sgorbie anche se solo da palmo e qui fondiamo le due arti insieme.

Iniziare un progetto di puro whittling non è solo possibile, ma sarà un piacere farlo dopo aver appreso da questo tutorial, l’arte di tutti i tagli del legno fatti con il coltello!

Sono sicura che durante il vostro percorso di formazione vi sarete di certo imbattuti in molti termini, per quanto riguarda i tagli di base del legno. Questo molte volte crea una certa confusione o depressione perché si crede che siano così tanti da non riuscire a ricordarli tutti, figuriamoci rifarli! 😖

E invece oggi scoprirete che alla fine da ricordare sono solo 5 o 6. 😳🤨 Stupiti? Vi assicuro che non è importante che sappiate tutti i nomi a memoria, o tutte le varianti. Con l’apprendimento scoprirete che tutti i tagli sono intuitivi, bastano solo accortezza e impararli per poterli compiere in sicurezza.

Tutto qui. Vi serve assimilare i vari nomi che vi potrebbero capitare per poter seguire dei tutorial. Ma alla fine, mentre sarete li con il vostro progetto in mano, farete dei tagli ragionati anche senza che ricorderete il nome o vi diciate tra voi… “ora faccio un Push Cut”…!

L’ho nominato, quindi partiamo da lui, il famigerato, plurinominato 😱:

Push Cut

E’ uno dei tagli nel legno più usati in assoluto, quando si sgrossa il pezzo, insieme al Pull Cut che è esattamente il suo opposto. E’ un taglio di riduzione, di pulitura, non è un taglio usato nei dettagli.

Il taglio è semplicissimo è anche altamente intuitivo basta spingere la lama verso l’esterno, l’opposto di venire verso il corpo.

Ci sono diverse varianti di questo taglio che principalmente differiscono per tagli controllati o tagli liberi. Io vi consiglio di usare sempre un taglio controllato, è ovviamente più sicuro per voi o per chi vi è vicino. Vediamo le varianti e i numerosi nomi del Push Cut:

Thumb Push Cut
Thumb Pushing Cut

E’ un Push Cut controllato, infatti si applica la forza con un pollice della mano che tiene il coltello sulla lama. Riduce l’affaticamento e direziona meglio il taglio che si interrompe automaticamente appena raggiunto il bordo del legno.

Thumb Push Stroke

Utile per fare tagli più profondi ma sempre controllati. Si usa il pollice della mano che non taglia sopra la lama per spingere nel legno nella direzione in cui si desidera che il coltello tagli. Questa forza aggiuntiva permette di tagliare più profondamente ma in maniera sicura.

Rough Cut
Power Cut
Straight Cut
Straight-Away Cut

Tutte varianti del nome, ma applicazione medesima. E’ un Push Cut non controllato, è il classico taglio grossolano di sgrossatura. Si affonda la lama, più o meno a fondo e si spinge con forza di polso lontano dal corpo.

Levering Cut
Lever Cut
Push-Away Cut
Push Stroke Cut

Ancora una volta molti nomi ma lo stesso tipo di taglio. Si usa in posizioni piuttosto scomode, quando non sono possibili altri tagli o quando è impossibile aiutarsi con il pollice. E’ un Push Cut libero ma non troppo grossolano. Per non tagliare più del necessario normalmente ci si affida ad uno Stop Cut finale.

Slicing Cut

E’ il classico taglio con cui si pulisce una carota, per fare un esempio molto semplice. L’ho inserito come variante del Push Cut ma si può anche usare come variante del Pull Cut a seconda delle necessità. La lama scorre libera, velocemente lontano dal corpo (Push) oppure verso il corpo (Pull). Serve per fare piccoli ritocchi alla sgrossatura molto velocemente.

Sweep Cut
Sweeping Cut

Questi tagli nel legno creano una curva all’interno del taglio grazie al movimento del polso. Ne ho già parlato nel vecchio articolo quindi qui i dettagli. Combina la tecnica del Thumb Push Cut ad un ampio movimento del polso.

Stop Cut

Questo tipo di taglio è utile in moltissime situazioni. Principalmente il suo uso ci garantisce angoli forti e separazioni precise. E’ un taglio composto da due fasi, la prima è appunto il taglio netto, lo Stop, e la seconda è inclinare il coltello e scorrere a raggiungere il taglio.

Per raggiungere il taglio in realtà non facciamo altro che applicare o un Push Cut (andando verso il taglio di Stop) o un Pull Cut (dal taglio Stop verso di noi) a seconda della posizione in cui ci troviamo ad intagliare.

Attenzione!

Lo Sweep Cut, lo Stop Cut, il V-Cut e il Pyramid Cut li trovate spiegati nel dettaglio nel tutorial dei 4 tagli base.

Clearing Cut

Può capitare che effettuando uno Stop Cut siamo stati imprecisi a valutare la profondità del taglio. Nessun problema, il Clearing Cut ci viene utile proprio a questo esempio. Si eseguono una serie di tagli leggeri, nella stessa direzione che puntano allo Stop, con l’aiuto del pollice che preme sulla lama.

Allo stesso modo si può procedere quando vogliamo incrementare la profondità del taglio, o quando vogliamo solo pulire il taglio. Questi piccoli movimenti di arrangiamento lasciano il taglio pulito come se fosse stato effettuato a regola d’arte.

V-Cut

E’ il classico taglio usato per fare i dettagli. Lo cito qui, un po’ velocemente perché fa parte anche lui dell’articolo sui 4 tagli base dove trovate le istruzioni dettagliate su come effettuarlo.

Questi tagli nel legno sono di tipo composto: ovvero si effettuano con tre movimenti, o di tre tagli a dir si voglia. Per prima cosa si effettua il taglio dritto dello Stop-Cut. Poi si fanno un Push Cut e un Pull cut. Il risultato sarà una V nel vostro legno.

E’ anche corretto effettuarlo senza fare la linea di Stop Cut. Con un po’ di allenamento si può effettuare un Push e un Pull Cut che si incontrano a formare la V. In questo caso si ricaverà un triangolo perfetto come scarto.

Siamo fortunati! 😅 Questo taglio pare essere conosciuto sotto soli tre nomi diversi! Eccoli:

Vee Cut

V-Shaped Cut

V-Notching Cut

Pull Cut

Come detto prima, è l’opposto del taglio Push Cut. E’ un taglio più adatto al modellamento più che allo sgrossamento della figura, ma può venire utile anche quando ci accorgiamo che stiamo intagliando nel senso opposto alle fibre del legno.

Anche questo è un taglio semplice da padroneggiare. Molto efficace in quanto combina controllo e forza, ma essendo che la lama viene direzionata verso il corpo necessita qualche piccolo accorgimento di sicurezza in più.

In questo particolare tipo di taglio la prima cosa da fare è proteggere il dito sotto la linea di taglio. In questo modo il dito protetto spinge il legno verso la lama e quindi la fatica del polso tagliante viene dimezzata.

In caso non si possa proteggere il dito con il legno è necessario usare una protezione da pollice. In questo modo quando il coltello dolcemente arresterà la corsa sul dito non potrà ferirci.

Possiamo dire per semplicità che è il classico taglio che effettuiamo quando vogliamo sbucciare una mela, la lama scorre verso il corpo e verso il nostro pollice!

Anche il Pull Cut ha moltissimi nomi, ma al contrario del Push Cut non molte varianti, se non quelle con il pollice (Thumb) usato o meno. I nomi più comuni che vengono usati sono:

Thumb Brace Cut

Pull Stroke Cut
Pull Draw Cut

Paring Cut
Pare Cut

Thumb Cut

Back Cut
Cut Back

Squeeze Cut

Pyramid Cut

Questo taglio è molto usato per creare dettagli o particolari ombre in un intaglio. Per esempio viene usato per particoleggiare gli occhi o creare intagli geometrici. Si compone essenzialmente di 3 tagli che ricreano un triangolo. Se fatto correttamente il trucciolo che ne esce è una piramide perfetta.

I dettagli di questo taglio li trovate sempre nel vecchio articolo dei 4 tagli base. Il Pyramid Cut non fa eccezione e viene anche lui chiamato con diversi nomi, vediamo quali:

Stab Cut

Chip Cut

Triangle Cut

Line Cut

Concludiamo con un taglio che si usa moltissimo nei dettagli: definire i vestiti e separarli dal corpo, pieghe, occhi, sopracciglia, ecc..

Il Line Cut è presto fatto, si fa una riga di incisione lunga e profonda quanto necessita. Poi dal lato in cui si necessita scavare (o destra o sinistra dell’incisione) si inserisce la punta del coltello fino ad arrivare a toccare la linea di Stop, con un leggero angolo, e si scava più o meno profondamente paralleli alla linea di incisione.

Anch’esso cede alle lusinghe di avere più nomi, ma che sono alcune piccole varianti:

Curved Cut

Si esegue nella stessa maniera del Line Cut, ma con la linea di partenza, e ovviamente quella laterale, ondulata, o curva.

Linear Cut

Inserisco qui una variante al Line Cut che in realtà non ha un nome. Appena affrontato il taglio “lungo”, prima di scavare a lato, si fanno due piccoli stop cut alle estremità. Questo serve ad impedire di andare troppo oltre e garantire, dove è possibile, più precisione al taglio.

Channel Cut

Incidiamo una linea profonda e lunga al bisogno, volendo anche curva. Esattamente come per il Line Cut. Però invece di lavorare a destra o sinistra del taglio, puliamo in entrambe i lati formando per l’appunto un canale.

Running Cut

Ed eccoci alla fine della guida definitiva! Vi siete appena diplomati in scultori di legno a coltello provetti! 😄 Provateli tutti!

Ho preparato per voi anche il tutorial con supporto video! Eccolo qui o lo trovate nel canale YOUTUBE: https://www.youtube.com/@whittledlovelies!

Se trovate che ho dimenticato qualche taglio, o qualche nome non esitate a contattarmi!

Buon allenamento! Imparate, imparate e imparate! Provate a vedere se vi interessano anche altri articoli correlati alla categoria argomenti di base, ci vediamo al prossimo articolo! Ciao! 😘😘😘


Condividi!

Questo è un articolo scritto da un umano per gli umani!

Tutti gli articoli contenuti nel blog sono scritti da me. Nessun collaboratore, nessuna persona pagata per scrivere contenuti al posto mio.

I post scritti da ospiti o da amici del blog vengono segnalati sotto il titolo con la scritta “guest post“. Si tratta di collaborazioni amichevoli, contributi alla comunità degli intagliatori.

Nella stesura degli articoli del blog non viene impiegato nessun supporto AI (intelligenza artificiale) e tutti i contenuti sono fatti con l’intento di piacere agli umani, non ai motori di ricerca.

Vuoi leggere in anteprima i nuovi articoli?

Non invio spam!
Leggi la mia Informativa della privacy per avere maggiori informazioni.

Ti piacciono i miei contenuti?

Magari puoi valutare una una donazione in supporto al blog!

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Clicca sul bottone o sul link Ko-fi per accedere ad un metodo di pagamento sicuro e offrirmi in tutta tranquillità un caffè o quello che vuoi tu!

Di tanto in tanto, negli articoli, troverai parole sottolineate così, oppure pulsanti con il simbolo 🛒. Si tratta di link che aiutano l’approfondimento, o link di affiliazione.

Se ti interessa un prodotto e lo acquisti suggerito da me, sempre senza nessun costo aggiuntivo per te, puoi aiutarmi a coprire i costi del blog. Mi permetterebbe di poterti dare in futuro questo e molto di più, lasciando sempre i contenuti in maniera totalmente gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Franco. Solidani ha detto:

    qualche notizia sui coltelli, vari tipi , dove e come acquistarli, tipi di affilatura e il ” costo”.
    Grazie